Advertisement

 Per le donne le parti intime irritate sono motivo di grande preoccupazione

L’irritazione di solito si riferisce a dolore, prurito o gonfiore nella zona vaginale. Può colpire qualsiasi parte della tua vulva, comprese le tue labbra, il clitoride, l’uretra e l’apertura vaginale.

La temporanea infiammazione di solito non è motivo di preoccupazione e spesso può essere curata a casa. Probabilmente avverti altri sintomi identificabili se l’irritazione deriva da una condizione sottostante.

Ecco cosa guardare, come trovare sollievo e quando invece devi consultare un medico.

 1   Follicolite

La Follicolite si manifesta quando uno o più follicoli piliferi sono infiammati od infetti. Può succedere ovunque crescono peli e capelli.

Nell’area pubica, tipicamente deriva dalla rasatura, dalla ceretta o da altre forme di epilazione. Il prurito inspiegabile è solitamente chiamato ” bruciatura da rasoio “. Spesso è causata dai peli incarniti .

Altri sintomi includono:

  • indolenzimento
  • gonfiore
  • pus

Come trattare la Follicolite

Bruciature da rasoio, peli incarniti e altre forme di follicolite tipicamente vanno via senza trattamento. Dovresti lasciare l’area libera per un paio di settimane per prevenire ulteriori irritazioni.

Se hai a che fare con dolore o prurito estremo, potresti trovare utile:

  • Indossare abiti larghi.
  • Fare un impacco fresco per ridurre il gonfiore.
  • Provare un impacco caldo per lenire il dolore.
  • Utilizzare un unguento antibiotico per prevenire l’infezione.
  • Applicare una crema idrocortisone per alleviare il prurito.

 2  Dermatite da Contatto

La dermatite da contattto  si verifica quando una sostanza irrita la pelle. Può succedere ovunque sul corpo.

Le sostanze che potrebbero causare dermatiti da contatto sulla vulva includono:

  • detersivi per bucato
  • prodotti chimici su vestiti nuovi
  • fragranze nei prodotti mestruali
  • Docce vaginali o spray femminili
  • preservativi in ​​lattice
  • lubrificanti

La tua reazione alla sostanza incriminata può essere immediata o apparire gradualmente nel corso di uno o due giorni.

I sintomi possono includere:

  • pizzicore
  • ardente
  • gonfiore
  • tenerezza
  • eruzione rossa
  • orticaria
  • vesciche

Come trattare la dermatite da contatto

Il passo più importante nel trattamento della dermatite da contatto è l’identificazione della sostanza incriminata. Una volta eliminata la sostanza, l’eruzione dovrebbe risolversi da sola.

Potenzia il tuo sistema immunitario

Potrebbe anche essere utile

  • Lavare la pelle con sapone delicato e acqua tiepida per rimuovere eventuali irritanti.
  • Prendere un antistaminico orale, come difenidramina, per aiutare a ridurre i sintomi generali.
  • Fai un bagno caldo di farina d’avena per lenire la pelle.
  • Applicare un farmaco anti-prurito topico, come Lozione Calamina o Crema all’idrocortisone.

 3  Cambiamenti ormonali

Numerosi fattori possono far fluttuare i tuoi ormoni.

Durante il ciclo mestruale mensile , il tuo corpo passa attraverso le modifiche per preparare il tuo corpo alla possibilità di una gravidanza.

Ogni parte di questo processo, dall’ovulazione alle mestruazioni si innesca un aumento o una diminuzione di alcuni ormoni.

La gravidanza e l’allattamento al seno possono anche causare cambiamenti ormonali. Così può certe condizioni mediche, come la sindrome dell’ovaio policistico. La menopausa causa anche cambiamenti ormonali che portano alla sensibilità vulvare.

Se, ad esempio, i livelli di estrogeni diminuiscono, la pelle della vulva può diventare più secca, più sottile e meno elastica. Questo lo rende molto più vulnerabile alle irritazioni.

Grattarsi, sfregare gli abiti, impegnarsi in attività sessuali e persino usare la carta igienica può causare irritazione.

I sintomi possono includere:

  • pizzicore
  • pungente
  • secchezza
  • piccole crepe o tagli
  • sensibilità
  • rossore

Come trattare i cambiamenti ormonali

Se non lo hai già fatto, prendi in considerazione di usare un   lubrificante o idratante vaginale da banco.

Gli Idratanti vaginali offrono un effetto idratante continuo e aiutano i tessuti vaginali a trattenere l’umidità.

Lubrificanti a base d’acqua o a base di silicone possono essere applicati prima della masturbazione, dei preliminari e dei rapporti per ridurre l’attrito e il disagio.

Se queste opzioni non forniscono sollievo, consultare un medico.

 4   Infezione da candida

Le infezioni vaginali da candida sono causate da una crescita eccessiva dei  batteri  Candida.

Accadono raramente prima della pubertà e dopo la menopausa. Ma ben 3 donne su 4  subiranno questo fastidioso periodo.

I sintomi osservati nella vagina o nella vulva possono includere

  • pizzicore
  • gonfiore
  • dolore durante la penetrazione
  • indolenzimento
  • eruzione cutanea
  • rossore
  • scarico denso, bianco, simile alla ricotta

Come trattare la candida

La maggior parte delle infezioni da candida può essere trattata con farmaci Antifungini da banco. Assicurati di seguire l’intero corso di terapia. L’infezione può tornare se si interrompe l’assunzione del farmaco troppo presto.

Dovresti anche astenerti dall’attività sessuale fino a quando non hai eliminato l’infezione per permettere al farmaco di funzionare correttamente. Se i trattamenti non funzionano, consultare un medico.

 5  Vaginite Batterica

Come suggerisce il nome, è un’infezione batterica della vagina.

Si manifesta quando alcuni batteri della vagina sfuggono al controllo ed interrompono il naturale equilibrio dei batteri “buoni” e “cattivi”.

È l’infezione vaginale più comune che colpisce le donne dai 15 ai 44 anni.

La vaginite Batterica di solito non causa alcun sintomo. Quando si verificano i sintomi, possono includere:

  • perdite bianche o grigie
  • perdite secche o schiumose
  • un forte odore di pesce, specialmente dopo il sesso o le mestruazioni
  • dolore o bruciore della vagina e della vulva

Come trattare la vaginite batterica

Se sospetti di esserne affetta, consulta un medico che potrà prescrivere un antibiotico orale o topico.

Assicurati di seguire l’intero corso di terapia. L’infezione può tornare si interrompe l’assunzione del farmaco troppo presto.

Dovresti anche astenervi dall’attività sessuale fino a quando non hai eliminato l’infezione per permettere al farmaco di funzionare correttamente.

 6  Infezioni a trasmissione sessuale

Queste infezioni si trasmettono attraverso rapporti sessuali.

LEGGI:  Vagina sudata come risolvere il problema

Un certo numero di infezioni possono causare irritazione vulvare tra cui

  • clamidia
  • gonorrea
  • tricomoniasi
  • verruche genitali
  • herpes genitale

Le infezioni a trasmissione sessuale non sempre causano sintomi. Quando lo fanno, potresti provare

  • dolore durante o dopo il sesso
  • minzione dolorosa
  • pizzicore
  • eruzione
  • febbre o brividi
  • dolore nell’addome inferiore
  • vesciche, protuberanze e piaghe nella zona genitale o anale

Come trattarle

Se sospetti di avere questo tipo di infezione consulta al più presto un medico.

Il trattamento dipenderà dal tipo di infezione che hai. In genere include un farmaco antibiotico o antivirale.

Assicurati di seguire l’intero corso di terapia. L’infezione può tornare se interrompe l’assunzione del farmaco troppo presto.

Dovresti anche astenervi dall’attività sessuale fino a quando non hai eliminato l’infezione per evitare di trasmetterla sul tuo partner.

 7  Psoriasi

è una condizione autoimmune comune che causa un rapido accumulo di cellule della pelle.

Esistono diversi tipi di psoriasi, tra cui la psoriasi inversa e genitale . La psoriasi genitale può svilupparsi direttamente sulla vulva. La psoriasi inversa può formarsi solo nelle pieghe della pelle attorno all’inguine, alle cosce e ai glutei.

Entrambi i tipi di solito si presentano come chiazze rosse e lisce. Non causano le squame bianche e spesse che si vedono in altri tipi di psoriasi.

Come trattarla

Se si sospetta la psoriasi, consultare un dermatologo che possono prescrivere una crema steroidea per alleviare il prurito e il disagio.

 8   Lichen planus

il Linchen planus è una condizione infiammatoria che colpisce la pelle, i capelli e le mucose.

Anche se è più comune su altre parti del corpo, come all’interno della bocca e sui polsi, i gomiti e le caviglie, il lichen planus può anche influenzare la vagina e la vulva.

Sulla vulva o sulla vagina, i sintomi possono includere
  • pizzicore
  • una sfilacciatura bianca di pizzo o strisce bianche
  • piaghe, vesciche o croste dolorose
  • lividi violacei e piatti
  • dolore con penetrazione

Come trattare il lichen planus

Immergersi in un bagno di farina d’avena per alleviare il prurito
applicare un impacco freddo per alleviare il dolore e ridurre l’infiammazione
applicare una crema di idrocortisone per lenire il prurito. Per l’irritazione e arrossamento
prendere un antistaminico per alleviare il prurito e ridurre l’infiammazione
I casi lievi di lichen planus che colpiscono la pelle possono risolversi in pochi anni. Se le mucose vaginali sono coinvolte, i casi possono essere più difficili da trattare.

Se i sintomi non sono risolti con semplici rimedi casalinghi, fissare un appuntamento per vedere un medico.

 9  Perimenopausa o Menopausa

La peromenopausa precede la menopausa . La menopausa inizia quando non si ha il ciclo per più di un anno.

La perimenopausa si verifica in genere tra la metà dei quarant’anni. Durante questo periodo, i livelli di estrogeni iniziano a diminuire.

Quando i livelli di estrogeni diminuiscono, il rivestimento della vagina diventa più sottile e meno flessibile. Produce meno secrezioni vaginali, che possono provocare una disagevole secchezza..

La pelle dentro e intorno alla tua vagina cambia, può essere facilmente irritata dall’attrito, dall’attività sessuale e dalle sostanze chimiche presenti nei prodotti.

Come trattarla

Se non lo hai già fatto, prendi in considerazione di usare unidratante o lubrificante vaginale da banco.

Gli idratanti vaginali offrono un effetto idratante continuo e aiutano i tessuti vaginali a trattenere l’umidità.

Lubrificanti a base d’acqua o a base di silicone possono essere applicati prima della masturbazione, dei preliminari e dei rapporti per ridurre l’attrito e il disagio.

Se questi non aiutano oppure stai riscontrando altri sintomi fastidiosi parla con un medico che potrà raccomandare una terapia estrogenica vaginale a basso dosaggio, come una crema o un anello vaginale. Questi prodotti migliorano lo spessore e l’elasticità dei tessuti e aumentano il flusso sanguigno. La terapia ormonale sostitutiva può anche essere un’opzione.

 10  Linchen sclerosus

Il Lichen scherosus provoca la formazione di piccole chiazze di pelle bianca lucida. Sebbene queste eruzioni possano svilupparsi in qualsiasi parte del corpo, sono più comuni nelle regioni genitali e anali.

Potresti avere maggiori probabilità di sviluppare lichen sclerosus dopo aver raggiunto la menopausa.

Altri sintomi possono includere

  • pizzicore
  • dolore
  • facile lividi o lacerazione della pelle
  • lesioni che sanguinano o vesciche

Come trattarlo

  • Immergere in un bagno di Farina D’avena per alleviare il prurito
  • Mettere in ammollo in un Bagno Sitz per alleviare il dolore e il prurito
  • Fare un impacco freddo per alleviare il dolore e ridurre l’infiammazione
  • Applicare una Crema di Idrocortisone per aiutare con prurito, irritazione e arrossamento
  • Provare un Idratante vaginale per mantenere la pelle idratata
  • Utilizzare lubrificante prima del sesso per ridurre l’attrito e l’irritazione
  • Prendere un Antistaminico per alleviare il prurito e ridurre l’infiammazione

Se i sintomi non sono risolti con semplici rimedi casalinghi, fissare un appuntamento per vedere un medico.

Per un ambiente sano ti consigliamo