Home Blog

Frutta e verdura a basso contenuto di carboidrati

frutta-basso-contenuto-carboidrati

Quale Frutta e verdura contiene pochi carboidrati?

Consumare abbastanza frutta e verdura ogni giorno può essere abbastanza difficoltoso, ma sappiamo tutti che è importante.

Non solo la frutta e verdura contengono nutrimenti che supportano le funzioni quotidiane dei nostri corpi, ma la ricerca ha dimostrato che questi alimenti possono aiutare a ridurre il rischio di alcuni tumori ed altre malattie croniche .

Oltre a trasmettere questi benefici per la salute, frutta e verdura fresche sono generalmente a basso contenuto di grassi e calorie, e sono una scelta attraente per le persone che vogliono controllare il loro peso.

Tuttavia, alcune persone a dieta evitano frutta e verdura per evitare  di assumere troppi carboidrati. Però non tutta la frutta e verdura contengono un sacco di zucchero e carboidrati.

È vero, frutta e verdura contengono carboidrati, ma non c’è motivo di lasciarli fuori dal piatto. Frutta e verdura contengono quantità variabili di carboidrati, quindi scegliere quelli giusti, nelle giuste quantità, significa che puoi godere dei benefici per la salute di questi cibi deliziosi e versatili.

Alcune diete a basso contenuto di carboidrati dicono specificamente di evitare la frutta, almeno per una certa parte della dieta. Questo perché la frutta tende ad avere un contenuto di carboidrati più elevato rispetto alla maggior parte delle verdure, a causa della sua maggiore quantità di zuccheri presenti in natura.

Ma non tutti questi zuccheri fanno male

I tre tipi di zuccheri presenti nei frutti sono glucosio, fruttosio e saccarosio.

Il glucosio è la fonte di energia preferita e predefinita del corpo per il cervello ed i muscoli, così come tutte le altre cellule del corpo.

Il fruttosio viene metabolizzato esclusivamente dal fegato, che è diverso da come il corpo metabolizza il glucosio. Mentre alcune ricerche hanno messo in guardia contro il consumo regolare di alti livelli di fruttosio, questo consiglio si applica al fruttosio aggiunto, come ad esempio lo sciroppo di mais ad alto fruttosio o nettare di agave, non al frutto intero.

Il saccarosio può essere più familiare a te come “zucchero da tavola”, ma si presenta naturalmente anche in alcuni frutti. I nostri corpi sono dotati di un enzima per scomporlo in glucosio e fruttosio e quindi metabolizzarli scomposti come singoli zuccheri.

Alcuni tipi di frutta hanno meno carboidrati per porzione standard, principalmente a causa del loro maggiore contenuto d’acqua, od hanno meno carboidrati assorbibili a causa del loro alto contenuto di fibre. Questi carboidrati assorbibili sono spesso indicati come carboidrati netti. La fibra è un carboidrato, ma il corpo non può assorbirla, quindi non influisce sul livello di zucchero nel sangue come fanno gli altri carboidrati. Quindi alcune persone considerano i carboidrati netti più importanti dei carboidrati totali.

Per ottenere il valore di carboidrati netti di un alimento, è sufficiente sottrarre i grammi (g) di fibra che contiene dai suoi carboidrati totali.

Ecco la nostra lista dei migliori frutti a basso contenuto di carboidrati.

 1   Anguria

Questo frutto estivo segna il minimo contenuto di carboidrati, con soli 7,55 g per 100 g di frutta. Ha poche fibre, quindi la maggior parte di questo carboidrato viene assorbita. L’anguria è anche ricca di vitamina A e ha un alto contenuto di acqua, che ti riempirà dando meno calorie.

 2   Bacche

Le bacche sono una scelta migliore per le persone che controllano l’assunzione di carboidrati. Le fragole hanno il minor numero di carboidrati di tutti i tipi di bacche, mentre le more hanno il minor numero di carboidrati netti.

Per ogni 100 g di fragole, otterrete 7,68 g di carboidrati e 2 g di carboidrati, ottenendo una rete di 5,68 g di carboidrati.

Per ogni 100 g di more, avrai 9,61 g di carboidrati, ma 5,3 g di fibra, la rete solo 4,31 g.

I lamponi sono anche una scelta eccellente, poiché pesano solo 5,44 g di carboidrati per 100 g di porzione. Sono anche un’ottima fonte di antiossidanti, potassio e vitamina C tra molti altri nutrienti. E contengono sostanze fitochimiche, che sono composti che possono prevenire alcune malattie croniche.

 3   Melone

Il melone arancione è ottimo in una calda giornata estiva e contiene solo 8,16 g di carboidrati e 0,9 g di fibre per 100 g di frutta, con solo 7,26 g di carboidrati.

I meloni sono anche considerati frutti a basso fruttosio. Ad alcune persone piace mangiare melone con insalata di tonno. Prova a mescolare il melone con lime, menta e acqua per fare una rinfrescante bibita.

 4    Avocado

l’avocado è un frutto con un contenuto di carboidrati relativamente basso. Per ogni 100 g di avocado, otterrete una quantità stimata di 8,53 g di carboidrati e 6,7 g di fibre, compensando solo 1,83 g di carboidrati!

Inoltre, quella porzione di avocado ti darà grassi sani mono-insaturi , che sono noti per la salute del cuore.

Mantieni sotto controllo il tuo peso

Raggiungi il Tuo Peso Ideale con Gli Integratori per il Controllo del Peso: Supporto Naturale per una Gestione Salutare e Sostenibile

M   Melone Verde

Il Melone Verde, arriva a 9,09 g di carboidrati e 0,8 g di fibre per ogni 100 g, reticolato 8,29 g di carboidrati. È anche un’ottima fonte di vitamina C e di potassio, un elettrolita necessario per mantenere una buona pressione sanguigna, l’equilibrio del pH e un metabolismo sano.

 6   Pesche

Le pesche sorprendentemente non hanno troppi carboidrati. Per ogni 100 g di frutta, otterrai 9,54 g di carboidrati e 1,5 g di fibre, compensando solo 8,04 g di carboidrati. Per uno spuntino a basso contenuto di carboidrati, servili con della ricotta.

Elenco delle migliori verdure a basso contenuto di carboidrati

vegetali a basso contenuto carboidrati

Le verdure generalmente contengono meno zucchero e quindi meno carboidrati rispetto alla frutta.

Anche quando si limitano i carboidrati, le verdure dovrebbero essere un’importante fonte di nutrimento nella dieta. Sono ricche di fibre e hanno un valore calorico inferiore per porzione rispetto a qualsiasi altro gruppo alimentare. Inoltre, contengono una serie di composti sani, tra cui sostanze fitochimiche, vitamine e minerali.

In generale, maggiore è il contenuto di acqua in una verdura, minore è il contenuto di carboidrati per porzione standard.

 1   Cetrioli

I cetrioli sono un’aggiunta rinfrescante e nutriente a qualsiasi insalata. Pelati, contengono solo 2,16 g di carboidrati per ogni 100 g. con la buccia è di 3,63 g, che è ancora piuttosto basso.

 2   Lattuga Iceberg

Forse  è una delle verdure più popolari, anche se meno nutritive, la lattuga iceberg contiene solo 2,97 g di carboidrati per 100 g. andrebbe abbinata ad altre verdure per ottenere un’insalata a basso contenuto di carboidrati con molte sostanze nutritive.

 3  Sedano

Il sedano ha lo stesso numero di carboidrati della lattuga iceberg ( 2,97 g per 100 g).

 4   Funghi Bianchi

I funghi contengono solo 3,26 g di carboidrati per 100 g. Ottimi da consumare con una frittata per ottenere un pasto a basso contenuto di carboidrati.

 5    Spinaci

Per ogni 100 g di spinaci, avrai 3,63 g di carboidrati guarniti con petto di pollo magro e fragole fresche sono perfetti.

 6   Bietola

Un altro ortaggio a foglia, ricca di sostanze nutritive, la bietola svizzera contiene solo 3,74 g di carboidrati per 100 g. La bietola è ottima nelle zuppe.

 7   Broccoli

Una verdura cruciforme nutriente-densa,  i broccoli crudi contengono 6,64 g di carboidrati e 2,6 g di fibra, solo 4,04 g di carboidrati per 100 g. Provalo crudo in insalata, leggermente al vapore, o in un soffritto saltato con aglio, zenzero e un tocco di olio d’oliva.

 8   Peperoni

Uno spuntino leggero e croccante se crudo, od eccellente saltato con le altre verdure preferite, i peperoni hanno appena 5,88 g di carboidrati per 100 g.

 9   Zucchine

Le zucchine sono un’alternativa deliziosa ed a basso contenuto di carboidrati alla pasta, contengono soli 3,11 g di carboidrati per 100 g.

Prova le zucchine tagliate a fette sottili e grigliate o arrostite, e poi a strati con altre verdure e salsa per una “lasagna” a basso contenuto di carboidrati.

 10  Cavolfiore

Il cavolfiore ha solo 4,97 g di carboidrati e 2,0 g di fibra, compensando solo 2,97 g di carboidrati per 100 g di porzione! Oltre a godere dei suoi fiori, puoi trasformarlo in un’alternativa gustosa a basso contenuto di carboidrati per riso o altri cereali.

 11 Asparagi

L’asparago ha 3,88 g di carboidrati per 100 g. Provalo al vapore o spennellato con un filo d’olio e arrostito al forno o alla griglia. Completa il tutto con una spremuta di succo di limone fresco.

 12 Ravanelli

I ravanelli hanno solo 3,4 g di carboidrati per 100 g e sono un ortaggio spesso trascurato, ma gustoso e nutriente. I ravanelli tagliati a fette fanno un’ottima aggiunta alle insalate.

 13  Rucola

La rucola è un verde foglia versatile che ha solo 3,65 g di carboidrati per 100 g.

 14 Radicchio

Il radicchio ha solo 4,4 g di carboidrati per 100 g, e le sue foglie robuste possono essere utilizzate come involtini di lattuga da riempire con altri ingredienti.

 15 Pomodori

I pomodori hanno solo 3,89 g di carboidrati e 1,2 g di fibre, compensando solo 2,69 g di carboidrati per 100 g di porzione.

La dieta a basso contenuto di carboidrati

non deve significare solo proteine ​​e grassi per tutto il tempo. Frutta e verdura possono svolgere un ruolo nutrizionale importante nel piano alimentare a basso contenuto di carboidrati.

Tenete a portata di mano questa lista di frutta e verdura a basso contenuto di carboidrati per rendere il vostro piatto più interessante e più completa la vostra alimentazione.

Massimizza la Tua Performance con gli Integratori

Aumentare la Tua Energia, la Massa Muscolare e il Recupero Dopo l’Allenamento

Leggi anche

12 Cibi ad alto contenuto di Omega 3

cibi-contengono-omega

Indice dei contenuti

Gli acidi grassi omega-3 hanno vari benefici per il corpo e il cervello.

Molte organizzazioni sanitarie raccomandano l’assunzione di un minimo di 250-500 mg di omega-3 al giorno per gli adulti sani.

È possibile ottenere elevate quantità di grassi omega-3 da pesce grasso, alghe e diversi cibi vegetali ricchi di grassi.

Ecco una lista di 12 alimenti che contengono Omega-3

 1   Sgombro (4,107 mg per porzione)

Lo sgombro è un pesce piccolo e grasso

Nei paesi occidentali, vengono comunemente affumicati e mangiati come filetti.

Gli sgombri sono incredibilmente ricchi di sostanze nutritive, un pesce di 100 grammi contiene il 200% della dose giornaliera di riferimento di vitamina B12 ed il 100% di selenio.

Oltre a questo, questi pesci sono deliziosi e richiedono poca preparazione.

Contenuto di omega 3: 4,107 mg in un pezzo di sgombro salato, 5.134 mg per 100 grammi.

Sbrigati! L'offerta termina tra
07days
02hrs
47mins
25secs
Preloader Image
neolife-omega-3-oil-plus
OFFERTA!
42,67
Integratore per Colesterolo, Glicemia, Cuore, Gastrite, Sport, Artrosi.
Assicurare l’apporto standardizzato di tutti gli otto membri della famiglia omega-3 coinvolti

 2  Salmone (4,023 mg per porzione)

Il salmone è uno degli alimenti più nutrienti sul pianeta.

Contiene proteine ​​di alta qualità e una varietà di sostanze nutritive, tra cui grandi quantità di magnesio, potassio, selenio e vitamine del gruppo B.

Gli studi dimostrano che le persone che mangiano regolarmente pesce grasso, come il salmone, hanno un rischio più basso di malattie cardiache, demenza e depressione.

Contenuto di omega 3: 4,023 mg in mezzo filetto di salmone o 2,260 mg 100 grammi.

 3  Olio di fegato di merluzzo (2,664 mg per porzione)

omega-3-merluzzo

L’olio di fegato di merluzzo è più un integratore che un alimento.

Come suggerisce il nome, è l’olio estratto dai fegati di pesce merluzzo.

Non solo questo olio è ricco di acidi grassi omega-3, ma un singolo cucchiaio è ricco di vitamine D contenente il 200% dose giornaliera di riferimento ed il 100% di vitamina A.

Pertanto, prendere solo un cucchiaio di olio di fegato di merluzzo soddisfa il tuo bisogno di tre nutrienti incredibilmente importanti.

Tuttavia, non prendere più di un cucchiaio alla volta, perché troppa vitamina A può essere dannosa.

Contenuto di omega 3: 2,664 mg per cucchiaio

 4  Aringa (3,181 mg per porzione)

Omega-3-aringa

L’aringa è un pesce grasso di media grandezza. È spesso affumicato a freddo, in salamoia o precotto, venduto come snack in scatola.

L’aringa affumicata è un alimento per la colazione popolare in paesi come l’Inghilterra, dove viene servito con le uova e chiamato kippers.

Un filetto affumicato standard contiene quasi il 100% della dose giornaliera di riferimento  di vitamina D e di selenio ed il 50% di vitamina B12.

Contenuto di omega 3: 3,181 mg per filetto di aringa atlantica grezza o 1,729 mg per 100 grammi.

 5  Ostriche (565 mg per porzione)

Ostriche

I molluschi sono tra i cibi più nutrienti da mangiare.

Un realtà, le ostriche contengono più zinco di qualsiasi altro cibo sul pianeta. Solo 6-7 ostriche crude pari a 100 grammi  contengono il 600% della dose giornaliera di riferimento  il 200% di zinco e rame ed il 300% di vitamina B12.

Le ostriche sono generalmente consumate come antipasto, spuntino o pasto intero. Le ostriche crude sono una prelibatezza in molti paesi.

Contenuto di omega 3: 565 mg in 6 ostriche crude orientali o 672 mg per 100 grammi.

 6  Sardine ( 2,205 mg per porzione)

omega-3-sardine

Le sardine sono pesci molto piccoli e oleosi che vengono comunemente consumati come antipasto, spuntino o prelibatezza.

Sono molto nutrienti, soprattutto se mangiati interi. Contengono quasi tutti i nutrienti di cui il tuo corpo ha bisogno.

150 grammi di sardine scolate contengono oltre il 200% della dose giornaliera di riferimento di vitamina B12 ed oltre il 100% di vitamina D e selenio.

Contenuto di omega 3: 2,205 mg per una porzione di 150 grammi di sardine dell’Atlantico in scatola oppure 1.480 mg per 100 grammi.

 7  Acciughe (951 mg per porzione)

omega-3-acciughe

Le acciughe sono pesci piccoli e grassi spesso acquistati essiccati o in scatola.

Normalmente mangiato in porzioni molto piccole, le acciughe possono essere arrotolate attorno ai capperi, farcite con olive o utilizzate come condimenti per pizza ed insalata.

Le acciughe sono una grande fonte di niacina (vitamina B13) e selenio, le acciughe disossate sono anche ricche di calcio.

Contenuto di omega 3: 951 mg per barattolo (45 grammi) di acciughe europee o 2,113 mg per 100 grammi.

 8  Caviale (1,086 per porzione)

omega-3-caviale

Il caviale sono le uova dello storione.

Ampiamente considerato un alimento di lusso, il caviale viene spesso utilizzato in piccole quantità come antipasto, degustatore o contorno.

Il caviale è ricco di colina e eccezionalmente basso di acidi grassi omega-6.

Contenuto di omega 3: 1,086 mg per cucchiaio (14,3 grammi) o 6.789 mg per 100 grammi.

 9  Semi di lino (2,338 mg per porzione)

Semi-di-lino

I semi di lino sono piccoli semi marroni o gialli. Sono spesso macinati, macinati o usati per produrre olio.

Questi semi sono di gran lunga la fonte di cibo integrale più ricca di acido alfa-linolenico grasso (ALA) omega-3. Pertanto, l’olio di semi di lino viene spesso utilizzato come integratore di omega-3.

I semi di lino sono anche molto ricchi di fibre, vitamina E, magnesio e altri nutrienti. Hanno un ottimo rapporto omega-6 / omega-3 rispetto ai semi di piante più oleose.

Contenuto di omega 3: 2,338 mg per cucchiaio (14,3 grammi) di semi interi o 7,196 mg per cucchiaio (14,3 grammi) di olio.

 10  Semi di Chia

semi-di-chia

I semi di Chia sono incredibilmente nutrienti: sono ricchi di manganese, calcio, fosforo e vari altri nutrienti.

Una porzione standard di 28 grammi di semi di chia contiene 4 grammi di proteine, inclusi tutti e otto gli amminoacidi essenziali .

Contenuto di omega 3: 4.915 mg 28 grammi

11  Noci

noci

Le noci sono molto nutrienti e contengono molta fibra. Inoltre contengono elevate quantità di rame, manganese, vitamina E ed importanti composti vegetali.

Assicurati di non rimuovere la pelle, poiché contiene la maggior parte degli antiossidanti fenolici delle noci, che offrono importanti benefici per la salute.

Contenuto di omega 3: 2.542 mg 28 grammi o circa 7 noci

12  Semi di Soia

semi-di-soia

I semi di soia sono una buona fonte di fibre e proteine ​​vegetali.

Inoltre contengono elevate quantità di altri nutrienti, tra cui riboflavina, acido folico, vitamina K, magnesio e potassio.

Tuttavia, i semi di soia sono anche molto ricchi di acidi grassi omega-6, quindi non dovrebbero essere considerati come un’unica fonte di omega-3.

Gli studi suggeriscono che mangiare troppo omega-6 può causare infiammazione.

Contenuto di omega 3: 1,241 mg in una porzione da 86 grammi di semi di soia tostati secchi, o 1.443 mg 100 grammi.

Conclusione

Come puoi vedere, è relativamente facile assumere omega-3 attraverso gli alimenti.

Gli Omega-3 apportano numerosi benefici al tuo corpo, come combattere le infiammazioni, il morbo di Alzheimer ed il cancro.

Tuttavia, se non consumi questi alimenti prendi in considerazione l’assunzione di integratori di omega-3.

Chirurgia Generale Universitaria – Cisanello Edifico 6

chirurgia-generale-universitaria.cisanello-pisa

Il reparto di chirurgia dell’ospedale, ubicato nello Stabilimento di Cisanello nell’Edificio 6, è un’eccellenza nel campo della cura delle malattie del pancreas e delle nuove tecnologie in chirurgia.

Il reparto offre una vasta gamma di servizi e competenze specializzate, ed è riconosciuto come Centro Regionale di Riferimento per la Cura delle Malattie del Pancreas e Centro Regionale di Riferimento per la Chirurgia Mini-invasiva e Nuove Tecnologie in Chirurgia.

I punti salienti del reparto sono:

  1. Trattamento percutaneo avanzato: La struttura dispone di tecniche all’avanguardia come la radiofrequenza, le microonde e l’ultrasuono focalizzato ad alta intensità (HIFU). Queste metodologie permettono di valutare per ciascun paziente la possibilità di effettuare terapie meno invasive, riducendo i rischi e i tempi di recupero.
  2. Approccio multidisciplinare: Il reparto adotta un approccio collaborativo che coinvolge diverse figure professionali, come chirurghi, oncologi, radiologi e gastroenterologi. Questa sinergia di competenze permette di offrire ai pazienti un’assistenza completa e personalizzata.
  3. Chirurgia mini-invasiva: Il reparto è specializzato in tecniche chirurgiche mini-invasive, come la laparoscopia e la chirurgia robotica. Queste metodologie riducono al minimo l’impatto sul paziente, con incisioni più piccole, una minore perdita di sangue e un recupero più rapido.
  4. Terapie combinate: Quando necessario, il reparto è in grado di combinare terapie meno invasive con interventi chirurgici tradizionali. Questo approccio ibrido permette di massimizzare l’efficacia del trattamento, adattandolo alle specifiche esigenze di ciascun paziente.
  5. Ricerca e formazione: Il reparto è impegnato nella ricerca scientifica e nella formazione continua dei propri professionisti. Ciò consente di rimanere costantemente aggiornati sulle ultime innovazioni nel campo della chirurgia pancreatica e di offrire ai pazienti le migliori opzioni di trattamento disponibili.

Informazioni:

  • Segreteria Tel. 050.996820 – 050.543695 – 050.997411
  • Fax: 050.543692 – 050.997412
  • mail dipchirgen@ao-pisa.toscana.it

Ricoveri

  • sono programmati su proposta dei chirurghi dopo la prima visita
  • Tempi di attesa 10-15 giorni per patologie oncologiche
  • Posti letto disponibili 23

Prime Visite Ambulatoriali

  • Mercoledì e Giovedì mattina dalle ore 9.00 alle 11.00 ambulatorio 48 edificio 6.

Controlli Chirurgici e Medicazioni

  • Lunedì dalle 10.00 alle 12.00 – Martedì dalle 14,30 alle 15,30 – Mercoledì e Giovedì dalle 11,30 alle 13.00

Prenotazioni

Tramite CUP 050.995995

Libera Professione Call Center 050.995272

Nota Bene: le informazioni su questo sito hanno solo carattere informativo, non sono da considerarsi ufficiali essendo frutto di rielaborazione elettronica di dati che potrebbero essere non più aggiornati. Pertanto non è possibile garantire l’esattezza e l’assenza di errori. Le informazioni possono essere rimosse e/o aggiornate in qualsiasi momento.

Per informazioni aggiornate, precise e dettagliate consultare sempre il sito ufficiale https://www.ao-pisa.toscana.it/


Numeri Utili di facile consultazione

  • Pronto Soccorso   Tel:   050992300

  • Numero Verde  Tel:  800015877

  • CUP Prenotazioni Tel:  050995995

  • CUP Prenotazioni Libera Professione Tel: 050995272

  • Distribuzione Farmaci Assistiti S.Chiara Tel: 050992374 – Fax 050993684

  • Distribuzione Farmaci Assistiti Cisanello Tel: 050997869 – 7870    Fax 050997871

Cisanello U.O. Radiodignostica 2

U.O. Radiodiagnostica

Edificio 6 -10

La U.O. di Radiodiagnostica 2 dell’AOUP opera all’interno del Presidio Ospedaliero di Cisanello al Piano Terra dell’Edificio 6 e per la RX Convenzionale presso l’edificio 10 piano terra.

Presso questa struttura si  svolge attività di  Radiologia convenzionale senza e con mezzo di contrasto, ecografia, Tomografia Computerizzata, Risonanza Magnetica, biopsie TC guidate.

La refertazione degli esami è eseguita dai medici radiologi direttamente a monitor e le immagini e i referti sono archiviati nel RIS_PACS.

L’attività diagnostica si svolge dal lunedì al venerdì dalle 8,00 alle 20,00 e il sabato dalle 8,00 alle 14,00.

La U.O. è impegnata nella formazione e aggiornamento del personale medico, infermieristico e tecnico nonché del personale medico in formazione in collaborazione con la U.O.  di Radiodiagnostica 1 Universitaria.

Inoltre si impegna nel costante controllo della qualità delle apparecchiature e delle prestazioni.

Attività

  • Radiologia Convenzionale con e senza mezzo di contrasto
  • Ecografia
  • Tomografia Computerizzata body, Risonanza Magnetica body
  • Biopsie TC guidate

Numeri Utili

  • Accettazione: tel. 050995467
  • Segreteria  Telefono e Fax 050996782
  • Coordinatrice Infermieristica Tel. – Fax: 050995466
  • Coordinatore Tecnico Tel. 050995639

Prenotazioni

  • Tramite CUP  tel. 050995995 per i Primi Accessi
  • Prenotazione per i Secondi accessi tramite Fax di reparto 050995476 ovia web . informazioni segr.radiodiagnostica2@ao-pisa.toscana.it
  • Rx convenzionale – Edificio 6 – Tel. 050995667 – Edificio 10 Tel. 050996794.
  • Rx Contrastografico Tubo Digerente  Tel. 050995440
  • Ecografia Tel. 050996888
  • TC Tel. 050996897
  • RM Tel. 050996955

Consegna Reperti

  • Dal Lunedi al Venerdì dalle 15.00 alle 19.30 – Sabato dalle 8.00 alle 13.30

Cisanello Edificio 6 Come Arrivare

Navetta Gratuita: Edificio 6: navetta Verde o navetta Blu 

Cisanello Mappa

Cisanello-Mappa
Credit-http://www.ao-pisa.toscana.it

Nota Bene: le informazioni su questo sito hanno solo carattere informativo, non sono da considerarsi ufficiali essendo frutto di rielaborazione elettronica di dati che potrebbero essere non più aggiornati. Pertanto non è possibile garantire l’esattezza e l’assenza di errori. Le informazioni possono essere rimosse e/o aggiornate in qualsiasi momento.

Per informazioni aggiornate, precise e dettagliate consultare sempre il sito ufficiale https://www.ao-pisa.toscana.it/


Numeri Utili di facile consultazione

  • Pronto Soccorso   Tel:   050992300

  • Numero Verde  Tel:  800015877

  • CUP Prenotazioni Tel:  050995995

  • CUP Prenotazioni Libera Professione Tel: 050995272

  • Distribuzione Farmaci Assistiti S.Chiara Tel: 050992374 – Fax 050993684

  • Distribuzione Farmaci Assistiti Cisanello Tel: 050997869 – 7870    Fax 050997871

Perché le emorroidi prudono

Indice dei contenuti

Emorroidi

Le Emorroidi sono vene gonfie e distese nell’ano e nella parte inferiore del retto.

Le emorroidi sono associate alla prolungata seduta sul water combinata con lo sforzo durante la evaquazione. Le emorroidi possono essere sia dolorose che pruriginose.

emorroidi-seduta-water

Perché prudono le emorroidi?

Le emorroidi possono essere esterne o interne. Le emorroidi esterne si trovano sotto la pelle che circonda l’ano mentre le emorroidi interne si trovano all’interno del retto.

A volte lo sforzo durante l’evaquazione, spinge le emorroidi interne a sporgere fuori dell’ano. Quando questo accade si parla di prolasso delle emorroidi interne.

Quando le emorroidi interne prolassano portano con sé muco che può irritare l’area sensibile intorno all’ano causando prurito. Se l’emorroidi rimane prolassata, la produzione di muco continua e così arriva il prurito.

Se le feci si mescolano al muco, la combinazione può aumentare l’irritazione con conseguente maggior prurito.

Altre cause di prurito anale

Il Prurito anale potrebbe essere innescato da una serie di condizioni oltre alle emorroidi.

Queste altre cause includono:

  • Ragadi anali
  • Infezione da Candida
  • Perdita di feci
  • Accumulo di sudore
  • Proctite
  • Verruche genitali
  • Herpes
  • Scabbia
  • Infezione da ossiuri (vermi)
  • Tigna
  • Pidocchi del corpo
  • Psoriasi
  • Cancro
  • Prurito da scarsa igiene

Possibili cause di prurito anche: micro lacerazioni e crepe, secchezza dovuta alle sostanze chimiche contenute in salviette, detergenti e creme.

Suggerimenti per evitare il prurito anale

  1. Usa carta igienica bianca semplice, evitando le varietà profumate o stampate.
  2. Evitare salviette trattate chimicamente.
  3. Pulire delicatamente.
  4. Asciugare accuratamente l’area dopo il lavaggio.
  5. Indossare abiti larghi.
  6. Indossare biancheria intima di cotone.

Come diminuire il prurito

 1  Il primo passo per alleviare il prurito è smettere di grattarsi. I graffi aggressivi possono danneggiare ulteriormente l’area e peggiorare il problema.

 2  Il desiderio di grattarsi è così intenso che molte persone si graffiano mentre dormono. Per evitare di graffiarsi durante il sonno, alcune persone indossano guanti di cotone morbido quando dormono

 3  Il passo successivo è una corretta igiene, mantenendo l’area pulita con acqua e sapone delicato privo di allergeni.

Dopo questi importanti passaggi primari, alcuni modi per ridurre o eliminare il prurito nell’area anale includono:

Ammollo

Un popolare rimedio casalingo per le emorroidi pruriginose è stare in ammollo in una vasca piena o un bagno sitz

Un bagno sitz è una vasca poco profonda che si adatta al vostro bagno. Puoi riempirlo con acqua tiepida – non calda – e sederti sopra, lasciando che l’acqua impregni l’ano. Il calore aiuta la circolazione e aiuta a rilassare e guarire l’area intorno all’ano.

Questo è tipicamente fatto due volte al giorno.

Alcuni sostenitori della guarigione naturale suggeriscono anche l’aggiunta di due o tre cucchiai di bicarbonato di sodio o di Sali di Epsom all’acqua nel bagno sitz.

Creme o impacchi

Per intorpidire le terminazioni nervose e alleviare il prurito, potreste applicare impacchi freddi sulla zona anale o utilizzare una crema Aloe di elevata qualità.

Protezione

Per ridurre il prurito, potrete provare un protettore topico da utilizzare come barriera tra la pelle irritata da ulteriori irritanti come le feci.

Alcuni prodotti che sono consigliati per fornire protezione per la pelle perineale includono

Ci sono un certo numero di modi semplici ed efficaci per affrontare il prurito da soli, ma se si tratta di un problema persistente che inizia a influire negativamente sulla qualità della tua vita, dovresti parlare con il tuo medico.

Potrebbero essere utili

Leggi anche

Tutto quello che devi sapere sull’eiaculazione femminile

eiaculazione-femminile

Approfondisci l’eiaculazione femminile e scopri come esplorare e godere appieno di questa esperienza sessuale unica e stimolante.

 1   Che cos’è?

Nonostante quello che potresti aver sentito, non hai bisogno di un pene per eiaculare! Hai solo bisogno di un’uretra. La tua uretra è un tubo che consente all’urina di uscire dal corpo.

L’eiaculazione si verifica quando il fluido, non necessariamente l’urina viene espulso dall’apertura uretrale durante l’eccitazione o l’orgasmo sessuale.

Questo è diverso dal fluido cervicale che lubrifica la tua vagina quando sei eccitata o comunque “bagnata”.

 2   E’ Comune?

Sorprendentemente! Sebbene i numeri esatti siano difficili da individuare, piccoli studi e sondaggi hanno aiutato i ricercatori a capire quanto può essere diversa l’eiaculazione femminile.

In un campione volontario più anziano di 233 partecipanti, circa 126 persone (54%) hanno dichiarato di aver avuto l’eiaculazione almeno una volta. Circa 33 persone (14 per cento) hanno dichiarato di aver sperimentato l’eiaculazione con tutti o quasi tutti gli orgasmi.

Il più recente studio cross-section sull’eiaculazione femminile ha seguito le donne di età compresa tra 18 e 39 anni dal 2012 al 2016. I ricercatori hanno concluso che un enorme 69,23% dei partecipanti ha avuto esperienza di eiaculazione durante l’orgasmo.

 3   L’eiaculazione equivale a spruzzare?

Sebbene molte persone usino i termini in modo intercambiabile, alcune ricerche suggeriscono che l’eiaculazione e lo squirting sono due cose diverse.

Lo squirting, il fluido che sgorga spesso nei film per adulti, sembra essere più comune dell’eiaculazione.

Questo fluido che viene rilasciato durante lo schizzi è un’urina essenzialmente diluita, a volte con un po’ di eiaculato. Viene dalla vescica e esce dall’uretra, come quando fai la pipì, solo molto più sexy.

 4  Che cosa è esattamente l’eiaculato?

L’eiaculato femminile è un liquido più denso e biancastro che assomiglia al latte molto diluito.

Secondo uno studio del 2011 , l’eiaculato femminile contiene alcuni degli stessi componenti dello sperma. Questo include l’antigene prostatico specifico (PSA) e la fosfatasi acida prostatica.

Contiene anche piccole quantità di creatinina e urea, componenti primarie dell’urina.

 5  Da dove viene il liquido?

L’eiaculato viene dalle ghiandole di Skene, o “la prostata femminile”.

Si trovano sulla parete frontale della vagina, circondando l’uretra. Ciascuno di esse contiene aperture che possono rilasciare l’eiaculato.

Sebbene le ghiandole siano state descritte in dettaglio da Alexander Skene alla fine del 1800, la loro somiglianza con la prostata è una scoperta abbastanza recente e la ricerca è in corso.

Uno studio del 2017 suggerisce che le ghiandole sono effettivamente in grado di aumentare il numero di aperture lungo l’uretra in modo da ospitare grandi quantità di secrezione di fluidi.

 6  Quindi non è l’urina?

No. L’eiaculato sono per lo più enzimi prostatici con un pizzico di urea.

Tuttavia, il liquido rilasciato quando si spruzza è un’urina diluita con un po ‘di eiaculato.

MyHixel-Control

 7   Aspetta: può essere entrambi?

Una specie di eiaculato contiene sentori di urea e creatinina, che sono componenti di urina.

Ma questo non rende l’eiaculato la stessa cosa dell’urina, significa solo che condividono alcune somiglianze.

 8   Quanto viene rilasciato?

Secondo uno studio del 2013 di 320 partecipanti, la quantità di eiaculato rilasciato può variare da circa 0,3 ml a oltre 150 ml. che equivale a più di mezza tazza.

 9  Come si presenta l’eiaculazione?

Può variare da persona a persona.

Per alcune persone, non sembra diverso da un orgasmo che si verifica senza eiaculazione. Altri descrivono un crescente calore e tremore tra le loro cosce.

Anche se si dice che la vera eiaculazione avvenga con l’orgasmo, alcuni ricercatori ritengono che possa accadere al di fuori dell’orgasmo attraverso la stimolazione del punto G.

Il livello di eccitazione e la posizione o la tecnica possono anche avere un ruolo nell’intensità.

10   Che sapore ha?

Secondo uno studio del 2014, l’eiaculato ha un sapore dolce. Questo è abbastanza appropriato per un fluido che è stato soprannominato “nettare degli dei” nell’antica India.

11  Che odore ha?

Non ha odore di urina, se è quello che ti stavi chiedendo. In effetti, l’eiaculato non sembra avere alcun odore.

12 Esiste una connessione tra l’eiaculazione e il punto G?

Alcune pubblicazioni scientifiche riportano che la stimolazione del punto G, l’orgasmo e l’eiaculazione femminile sono collegati, mentre altri affermano che non esiste una connessione.

Non aiuta il fatto che il punto G sia un mistero quasi altrettanto grande dell’eiaculazione femminile.

Il punto G non è un “punto” separato nella tua vagina. Fa parte della tua rete clitoridea.

Ciò significa che se stimoli il tuo punto G, in realtà stai stimolando parte del tuo clitoride. Questa regione può variare in posizione, quindi può essere difficile da individuare.

Se sei in grado di trovare e stimolare il tuo punto G, potresti essere in grado di eiaculare – o semplicemente goderti un orgasmo nuovo e potenzialmente sconvolgente .

13  E ‘davvero possibile eiaculare “su comando”?

Non è come andare in bicicletta, ma una volta che hai imparato cosa funziona per te, le tue possibilità sono decisamente molto più alte.

14 Come posso provare?

Pratica, pratica e più pratica! L’auto-stimolazione è uno dei modi migliori per scoprire ciò che ti piace, anche se non c’è nulla di male nella pratica con un partner.

Di fatto, quando si tratta di trovare e stimolare il punto G, un partner può avere più fortuna nel raggiungerlo.

Ad ogni modo, considera di investire in un vibratore  curvo per facilitare l’accesso alla parete frontale della tua vagina.

Ma non è tutto merito del punto G. La giusta stimolazione del clitoride e persino della vagina può anche farti eiaculare.

La chiave è rilassarsi, godersi l’esperienza e provare diverse tecniche fino a trovare ciò che funziona per te.

Prova ad utilizzare Enigma Wave non rimarrai delusa!

Lelo Enigma Wave

Informati

15  Cosa succede se non posso?

C’è molto divertimento da provare, ma cerca di non fissarti. Puoi avere una vita sessuale soddisfacente, indipendentemente dal fatto che tu eiaculi o no.

Ciò che conta di più è trovare i punti che ti fanno godere ed esplorare in modo comodo.

In Conclusione

Cerca di ricordare che il sesso, proprio come nella vita, è un viaggio. Alcune persone eiaculano, altre no. In ogni caso, è importante godersi il viaggio!

Leggi Anche

Omega 3 benefici

omega-3-benefici

Indice dei contenuti

Scopri i Potenti Benefici degli Omega-3: Il Segreto per una Salute Ottimale e un Benessere Duraturo

Gli omega-3 sono acidi grassi essenziali che offrono una vasta gamma di benefici per la salute, supportati da numerosi studi scientifici.

Questi nutrienti fondamentali, noti come EPA (acido eicosapentaenoico) e DHA (acido docosaesaenoico), sono presenti in abbondanza in alcuni alimenti come il pesce grasso, le noci e i semi di lino.

Oltre ad essere fondamentali per il corretto funzionamento del nostro corpo, gli omega-3 possono apportare una serie di vantaggi significativi. Dall’ottimizzazione della salute del cuore e del cervello alla riduzione dell’infiammazione e al sostegno del sistema immunitario, questi acidi grassi polinsaturi si rivelano veri alleati del benessere globale.

Scopriamo insieme 16 benefici degli omega 3 supportati dalla scienza, che potrebbero trasformare radicalmente la tua salute e il tuo benessere.

1. Combattono la depressione e l’ansia

La depressione è uno dei più comuni disturbi mentali, i sintomi includono tristezza, letargia ed una perdita generale di interesse nella vita. Il disturbo comune dei soggetti depressi è l’ansia associata a costante preoccupazione e nervosismo.

Alcuni studi indicano che le persone che consumano regolarmente Omega 3 hanno meno probabilità di essere depresse. Inoltre, quando le persone affette da depressione o da ansia iniziano a prendere integratori di omega-3, i loro sintomi migliorano.

Esistono tre tipi di acidi grassi Omega 3: ALA, EPA e DHA. Dei tre, EPA sembra essere il migliore nella lotta alla depressione in quanto è risultato molto efficace come antidepressivo.

2. Migliorano la salute degli occhi

Il DHA, un tipo di omega 3, è un importante componente strutturale della retina dell’occhio, con bassi livelli di DHA, possono insorgere problemi di visione.

L’assunzione costante di omega 3 comporta un ridotto rischio di degenerazione maculare, che è una delle principali cause al mondo di danni permanenti agli occhi. Guarda questo video su youtube per vedere gli effetti https://www.youtube.com/watch?v=UyiQINLdjDk&t=322s

3. Aiutano la salute del cervello durante la gravidanza e l’inizio della vita

Gli Omega-3 sono fondamentali per la crescita e lo sviluppo del cervello nei bambini.

Il DHA rappresenta il 40% degli acidi grassi polinsaturi nel cervello ed il 60% nella retina dei tuoi occhi. Pertanto, non sorprende che i bambini alimentati con cibi ricchi di DHA abbiano una vista migliore dei bambini nutriti senza di essa.

Assumere omega-3 durante la gravidanza porta a numerosi benefici per il bambino, tra cui:

  • Maggiore intelligenza.
  • Migliori capacità comunicative e sociali.
  • Meno problemi comportamentali.
  • Diminuzione del rischio di ritardo dello sviluppo.
  • Diminuzione del rischio di ADHD (disturbo da deficit di attenzione e iperattività).

4. Migliorano i fattori di rischio di malattie cardiache

Gli infarti e l’ictus sono tra le principali cause di morte al mondo.

I ricercatori hanno osservato che le comunità con consumo di pesce hanno bassi tassi di infarti ed ictus. Questo è stato collegato al consumo di omega 3 che sono stati associati a benefici per la salute del cuore.

Questi benefici degli omega 3 riguardano:

  • Trigliceridi: possono causare una riduzione importante dei trigliceridi, solitamente nell’intervallo del 15-30%.
  • Pressione sanguigna: possono ridurre i livelli di pressione arteriosa nelle persone con pressione sanguigna alta.
  • Colesterolo HDL: possono aumentare i livelli di colesterolo HDL quello buono.
  • Coaguli di sangue: possono impedire alle piastrine di aggregarsi. Questo aiuta a prevenire la formazione di nocivi coaguli di sangue .
  • Placca: aiutano a prevenire la placca che può ridurre il diametro ed indurire le arterie.
  • Anti-Infiammazione: riducono la produzione di alcune sostanze rilasciate durante la risposta infiammatoria del corpo.
  • In alcune persone, possono anche abbassare il colesterolo LDL  quello cattivo.

Tuttavia nonostante gli effetti benefici sui fattori di rischio della malattia cardiaca, non vi è ancora alcuna prova certa che gli integratori di omega 3 possano prevenire infarti o ictus.

Insta GO

5. Possono ridurre i sintomi dell’ADHD nei bambini

Il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) è un disturbo comportamentale caratterizzato da disattenzione, iperattività e impulsività.

Diversi studi dimostrano che i bambini con ADHD hanno bassi livelli ematici di acidi grassi omega 3. Gli Omega 3 aiuterebbero a migliorare l’attenzione, ridurre l’iperattività, impulsività, irrequietezza ed aggressività.

Molti ricercatori affermano che gli integratori di olio di pesce sono uno dei trattamenti più promettenti per l’ADHD.

6. Possono ridurre i sintomi della sindrome metabolica

La sindrome metabolica è un insieme di condizioni che include l’obesità centrale – nota anche come grasso della pancia – così come l’ipertensione, insulino-resistenza, alti livelli di trigliceridi e bassi livelli di colesterolo HDL (buono).

Gli acidi grassi omega 3 possono migliorare la resistenza all’insulina, l’infiammazione e i fattori di rischio di malattie cardiache nelle persone con sindrome metabolica.

7. Combattono l’infiammazione cronica

L’infiammazione è una risposta naturale alle infezioni ed ai danni nel tuo corpo. Pertanto, è di vitale importanza per la tua salute. Tuttavia, l’infiammazione a volte persiste a lungo, anche senza un’infezione o lesioni. Questa condizione è chiamata infiammazione cronica.

Gli acidi grassi omega 3 possono ridurre la produzione di molecole e sostanze legate all’infiammazione, come eicosanoidi infiammatori e citochine.

8. Aiutano a combattere le malattie autoimmuni

Nelle malattie autoimmuni, il sistema immunitario scambia cellule sane per cellule estranee e inizia ad attaccarle.

Il diabete di tipo 1 è un primo esempio in cui il sistema immunitario attacca le cellule produttrici di insulina nel pancreas.

Gli Omega 3 possono combattere alcune di queste malattie e possono essere particolarmente importanti durante i primi anni di vita.

Gli studi dimostrano che l’assunzione di omega-3 durante il primo anno di vita riduce il rischio di molte malattie autoimmuni, tra cui diabete di tipo 1, diabete autoimmune e sclerosi multipla.

Gli Omega 3 aiutano anche a curare il lupus, l’artrite reumatoide, la colite ulcerosa, il morbo di Crohn e la Psoriasi.

Sbrigati! L'offerta termina tra
07days
02hrs
47mins
24secs
Preloader Image
neolife-omega-3-oil-plus
OFFERTA!
42,67
Integratore per Colesterolo, Glicemia, Cuore, Gastrite, Sport, Artrosi.
Assicurare l'apporto standardizzato di tutti gli otto membri della famiglia omega-3 coinvolti

9. Possono migliorare i disturbi mentali

Bassi livelli di omega 3 sono stati segnalati in persone con disturbi psichiatrici.

Alcune ricerche suggeriscono che gli integratori di omega 3 possono ridurre la frequenza di sbalzi d’umore e ricadute in persone con schizofrenia e disturbo bipolare, nonché ridurre il comportamento violento.

10. Aiutano a combattere il declino mentale legato all’età e la malattia di Alzheimer

Un declino della funzione cerebrale è una delle inevitabili conseguenze dell’invecchiamento. Alcuni studi consigliano l’assunzione di omega 3 per rallentare il declino mentale correlato all’età ed un ridotto rischio di malattia di Alzheimer.

Tuttavia gli omega 3 possono essere utili all’insorgere della malattia, quando i sintomi del declino mentale sono molto lievi.

11. Possono aiutare a prevenire alcuni tipi di cancro

Il cancro è una delle principali cause di morte nel mondo e gli acidi grassi omega 3 sono stati indicati per ridurre il fattore di rischio di alcuni tumori.

Alcune ricerche dimostrano che le persone che consumano più omega 3 hanno un rischio inferiore del 55% di cancro del colon.

Inoltre, il consumo di omega 3 è legato ad un possibile minore rischio di cancro alla prostata negli uomini ed al cancro al seno nelle donne.

12. Possono ridurre il grasso nel fegato

La steatosi (NAFLD) epatica non alcolica è più comune di quanto si pensi. Con l’aumento dell’obesità nelle popolazioni la steatosi è la più comune malattia epatica cronica nel mondo occidentale.

L’integrazione con acidi grassi omega 3 riduce efficacemente il grasso e l’infiammazione del fegato nelle persone con steatosi.

13. Possono migliorare la salute delle ossa e delle articolazioni

L’osteoporosi e l’artrite sono due disturbi comuni che colpiscono il sistema scheletrico.

Gli omega 3 possono migliorare la resistenza ossea aumentando la quantità di calcio nelle ossa, il che dovrebbe portare ad un ridotto rischio di osteoporosi.

Gli Omega 3 possono anche trattare l’artrite. I pazienti che assumono integratori di omega-3 hanno riportato riduzione del dolore alle articolazioni e aumento della forza di presa.

14. Possono alleviare il dolore mestruale

Il dolore mestruale si manifesta nella parte bassa dell’addome e nella pelvi e spesso si irradia nella parte bassa della schiena e nelle cosce.

Alcune ricerche dimostrano che le donne che consumano più omega 3 hanno un dolore mestruale più lieve. Uno studio ha anche determinato che un supplemento di omega 3 era più efficace dell’ibuprofene nel trattamento del dolore intenso durante le mestruazioni.

15. Possono migliorare il sonno

Dormire bene è fondamentale per una salute ottimale. Molti studi associano alla mancanza di sonno a molte malattie, tra cui obesità, diabete e depressione.

Bassi livelli di acidi grassi omega-3 sono associati a problemi di sonno nei bambini e apnea ostruttiva del sonno negli adulti. Bassi livelli di DHA sono anche legati a livelli più bassi di melatonina, che aiuta ad addormentarsi.

Studi condotti su bambini e adulti rivelano che l’integrazione con omega 3 aumenta la durata e la qualità del sonno.

16. Fanno bene alla pelle

Il DHA è un componente strutturale della tua pelle. È responsabile per la salute delle membrane cellulari, che costituiscono una parte importante della vostra pelle.

L’EPA migliora la pelle in diversi modi, tra cui:

  • Gestire la produzione di grasso e l’idratazione della pelle.
  • Prevenire l’ipercheratinizzazione dei follicoli piliferi, che appaiono come piccoli dossi rossi sopratutto sulla parte superiore delle braccia.
  • Ridurre l’invecchiamento precoce della pelle.
  • Ridurre il rischio di acne.
  • Proteggere la pelle dai danni del sole
Sbrigati! L'offerta termina tra
07days
02hrs
47mins
24secs

Leggi anche

Benefici del succo di melagrana

Benefici del melograno

neolife-tre-benefici-melograno

Il succo di melograno è ricco di antiossidanti, vitamine e minerali. Supporta la salute cardiovascolare, la digestione e il sistema immunitario. 

1. I melograni possono aiutare a combattere l’infiammazione

I melograni sono noti per le loro potenti proprietà antinfiammatorie e l’estratto di melograno viene impiegato nella medicina alternativa per trattare condizioni infiammatorie.

Recenti ricerche hanno evidenziato che l’assunzione di estratto di melograno può ridurre la produzione di sostanze chimiche infiammatorie, suggerendo un potenziale sollievo per le condizioni infiammatorie croniche.

2. Il melograno può aiutare a rallentare la degradazione della cartilagine nell’osteoartrite

I trattamenti attuali per l’osteoartrite hanno una limitata efficacia nel rallentare la progressione della malattia e la degenerazione delle articolazioni.

Tuttavia, il melograno potrebbe offrire una terapia promettente grazie alle sue proprietà antinfiammatorie. I ricercatori hanno evidenziato che l’estratto di melograno ha la capacità di bloccare gli enzimi coinvolti nell’osteoartrite, aprendo nuove possibilità per il trattamento di questa condizione debilitante.

3. I melograni possono aiutare a ridurre il rischio di malattie cardiache

I melograni sono noti per i loro potenziali benefici nel ridurre il rischio di malattie cardiache. Ricchi di antiossidanti, i melograni possono aiutare a proteggere il cuore dagli danni causati dallo stress ossidativo e dall’infiammazione.

Inoltre, studi hanno dimostrato che il consumo regolare di succo di melograno può migliorare i livelli di colesterolo, ridurre la pressione sanguigna e favorire la salute delle arterie.

Questi effetti combinati contribuiscono a promuovere la salute cardiovascolare e a ridurre il rischio di malattie cardiache.

4. I melograni possono aiutare a ridurre l’ipertensione 

Il succo di melograno può aiutare a abbassare la pressione sanguigna perché agisce in modo simile ai farmaci chiamati ACE-inibitori, meglio conosciuti come inibitori dell’Enzima di Conversione dell’Angiotensina.

Questi farmaci riducono l’attività di un ormone chiamato Angiotensina, che può aumentare la pressione sanguigna. L’effetto dell’inibizione dell’ACE è che i vasi sanguigni si rilassano e si allargano, permettendo al cuore di ricevere più ossigeno e sangue.

I ricercatori hanno somministrato agli individui ipertesi 50 ml di succo di melograno ogni giorno. Il 70% dei partecipanti ha sperimentato una riduzione media del 36% dell’attività ACE e una riduzione statisticamente significativa del 5% della pressione arteriosa sistolica.

Ulteriori studi clinici ha rilevato che il consumo di succo di melograno riduce la pressione sanguigna sistolica e diastolica.

Un altro studio ha scoperto che gli individui con pressione alta hanno ridotto significativamente la pressione sanguigna dopo aver consumato 150 ml di succo di melograno ogni giorno per 2 settimane. 

5. Il succo di melograno può aiutare a migliorare il trattamento del cancro alla prostata

Il cancro alla prostata è una malattia diffusa tra gli uomini, ma ci sono speranze che il succo di melograno possa fornire un contributo significativo nel suo trattamento. Numerosi studi hanno evidenziato le proprietà benefiche del succo di melograno per la salute della prostata.

Uno dei principali vantaggi del succo di melograno nel contesto del cancro alla prostata è la presenza di composti bioattivi, come gli antiossidanti e gli antinfiammatori. Questi componenti possono svolgere un ruolo chiave nel contrastare la crescita delle cellule tumorali e ridurre l’infiammazione nella prostata.

In particolare, il succo di melograno è stato associato alla capacità di inibire la proliferazione delle cellule tumorali della prostata, inducendo la loro morte programmata, nota come apoptosi. Questo può aiutare a rallentare la progressione del cancro e ridurre la sua diffusione ad altri tessuti.

Va sottolineato che, sebbene promettenti, tali studi sono ancora in corso e ulteriori ricerche sono necessarie per confermare i benefici del succo di melograno nel trattamento del cancro alla prostata. È indispensabile consultare un medico prima di apportare modifiche significative alla propria dieta o al regime terapeutico.

6. Succo di melograno potrebbe essere una soluzione naturale per migliorare la vita sessuale

Se stai cercando un modo naturale per migliorare la tua vita sessuale, potresti voler considerare il succo di melograno. Questo succo delizioso non solo offre benefici per la salute in generale, ma è anche noto per le sue proprietà afrodisiache e per il potenziale di agire come un Viagra naturale.

Il succo di melograno è ricco di antiossidanti che aiutano a migliorare la circolazione sanguigna, inclusa quella verso l’area genitale. Questo può favorire l’erezione più forte e duratura negli uomini e aumentare la sensibilità nelle donne.

Studi hanno mostrato che il consumo regolare di succo di melograno può aumentare i livelli di testosterone, l’ormone chiave per la libido e le prestazioni sessuali sia negli uomini che nelle donne.

Da un punto di vista scientifico, il succo di melograno sembra lavorare aumentando l’ossido nitrico nel corpo, il che aiuta a rilassare i vasi sanguigni e favorisce un migliore flusso sanguigno verso i genitali.

Perché scegliere Neolife Tre

  • Non “solamente” succo: Tre è un’essenza nutrizionale bio-attiva che va oltre il semplice succo. È una miscela pura di Melagrana, Acai e Tè Verde.
  • Unisce i super-frutti ricchi di fitonutrienti come Melagrana, Acai e Tè Verde.
  • Tre è una potente essenza naturale formulata su solide basi scientifiche. È il risultato della ricerca nel campo del benessere e della vitalità.
  • Tre è stato concepito e sviluppato dal Comitato di Consulenza Scientifica della NeoLife, un gruppo di esperti noti a livello mondiale per la creazione di prodotti basati su cibi integrali e scientificamente testati.
  • Tre è una bevanda rinfrescante con una bassa risposta glicemica, quindi puoi goderne senza preoccupazioni per gli aumenti improvvisi di zucchero nel sangue.
  • Gusto delizioso e rinfrescante, Tre ti farà sentire subito la forza rinvigorente degli ingredienti attivi.
Preloader Image
51,53
Integratore per Vitalità, Studio, Anti Age
Miscela esclusiva di melograna, bacche scure, succo d’uva bianca, mirtillo gigante americano, frutto

Scopri il potere di Neolife Tre

Scegli la salute, scegli Neolife Tre!

Leggi anche: I benefici del succo di melograno per prostata e virilità

I benefici del succo di melograno per prostata e virilità

melograno-benefici-prostata

Dal potere antiossidante alla salute cardiaca, il melograno rivela i suoi segreti per una vita piena di vitalità e benessere.

Il succo di melograno può aiutare a migliorare il trattamento del cancro alla prostata

Un’interessante scoperta è emersa da uno studio condotto su uomini sottoposti a trattamento per il cancro alla prostata.

I partecipanti, che avevano subito un intervento chirurgico e mostravano un rapido aumento dei livelli di antigene prostatico specifico (PSA), il biomarcatore associato ad alti valori al cancro, sono stati incoraggiati a consumare quotidianamente un bicchiere di succo di melograno.

I risultati sono stati sorprendenti: è stato osservato un aumento di quasi 4 volte nella durata del periodo in cui i livelli di PSA rimanevano stabili.

Questa scoperta apre nuove prospettive nella gestione del cancro alla prostata e suggerisce che il succo di melograno potrebbe svolgere un ruolo significativo nel supportare la salute prostatica.

Il succo di melograno potrebbe diventare un alleato prezioso nella lotta contro questa malattia diffusa, offrendo speranza e soluzioni innovative per il benessere degli uomini.

La ricerca ha preso in considerazione un gruppo di 50 uomini che, dopo aver subito un intervento chirurgico di cancro alla prostata, hanno manifestato un rapido aumento dei livelli di antigene prostatico specifico (PSA).

Nel contesto del cancro alla prostata, un parametro fondamentale è il “Tempo di raddoppio“, che rappresenta il periodo necessario affinché i livelli di PSA si raddoppino, fornendo così un segnale prezioso sulla progressione della malattia.

I pazienti con tempi di raddoppio brevi presentano un maggiore rischio di mortalità correlata al cancro.

Nel corso della ricerca, è stato osservato un notevole incremento nei tempi di raddoppio, passando da una media di 15 mesi a 54 mesi.

Questi risultati indicano un rallentamento significativo nella progressione del cancro alla prostata in seguito all’assunzione quotidiana di succo di melograno.

Tale scoperta potrebbe avere implicazioni cruciali per la gestione e il trattamento di questa malattia, offrendo ai pazienti una rinnovata speranza e un possibile miglioramento delle prospettive di sopravvivenza.

Il succo di melograno è una Potente Bevanda del Piacere: Aumenta la Virilità e la Funzionalità Erettile

Il succo di melograno, è un elisir di vitale benessere, potrebbe essere il segreto per migliorare la virilità maschile e la funzionalità erettile.

Questa bevanda deliziosa e salutare è stata oggetto di interesse negli ultimi anni, grazie alle sue potenti proprietà antiossidanti e ai benefici che apporta alla salute sessuale degli uomini.

Scopriamo come il succo di melograno può essere il tuo alleato per un piacere duraturo e una virilità rinvigorita.

Beneficio 1: Incremento del flusso sanguigno

Uno dei fattori chiave per un’erezione soddisfacente è il flusso sanguigno adeguato al pene. Il succo di melograno è noto per favorire la vasodilatazione e migliorare la circolazione sanguigna. Gli antiossidanti presenti nel succo aiutano a mantenere le arterie elastiche, consentendo un afflusso di sangue ottimale alle zone intime e supportando la salute vascolare.

Beneficio 2: Potere antiossidante

Il melograno è ricco di antiossidanti, tra cui polifenoli, antociani e acido ellagico. Questi potenti composti combattono lo stress ossidativo e riducono l’infiammazione nel corpo.

Ciò può avere un impatto positivo sulla funzione erettile, poiché lo stress ossidativo può danneggiare i vasi sanguigni e compromettere la salute sessuale. Il succo di melograno protegge il tuo corpo da queste minacce, mantenendo la tua virilità al massimo livello.

Beneficio 3: Aumento dei livelli di testosterone

Il testosterone è l’ormone chiave responsabile dell’energia sessuale e della virilità negli uomini.

Studi preliminari suggeriscono che il succo di melograno potrebbe stimolare la produzione di testosterone nel corpo. Un equilibrio ottimale di testosterone può migliorare la libido, la forza muscolare e la resistenza sessuale, promuovendo una sessualità appagante e una virilità invidiabile.

Beneficio 4: Sostegno alla salute prostatica

La salute della prostata è fondamentale per il benessere sessuale maschile. Il succo di melograno è stato associato a effetti positivi sulla salute prostatica.

I suoi composti bioattivi possono aiutare a ridurre l’infiammazione e a combattere l’iperplasia prostatica benigna (IPB), una condizione comune che può influire sulla funzione erettile. Mantenere una prostata sana è essenziale per un’eccellente virilità.

Beneficio 5: Aumento dell’energia e del benessere generale

Il succo di melograno è una fonte naturale di vitamine, minerali e sostanze nutritive essenziali che contribuiscono al benessere generale.

L’energia e la vitalità sono elementi cruciali per una sessualità appagante. Grazie al suo profilo nutrizionale potente, il succo di melograno può aumentare i livelli di energia, migliorare la resistenza e promuovere una salute generale ottimale, contribuendo a un’esperienza sessuale più soddisfacente.

Il succo di melograno si rivela una bevanda eccezionale per migliorare la virilità e la funzionalità erettile maschile. I suoi benefici sul flusso sanguigno, l’azione antiossidante, l’aumento dei livelli di testosterone, il sostegno alla salute prostatica e l’aumento dell’energia complessiva lo rendono un alleato prezioso per una sessualità appagante e una virilità rinvigorita.

In Conclusione

Il succo di melograno si rivela una bevanda eccezionale per migliorare la virilità e la funzionalità erettile maschile. I suoi benefici sul flusso sanguigno, l’azione antiossidante, l’aumento dei livelli di testosterone, il sostegno alla salute prostatica e l’aumento dell’energia complessiva lo rendono un alleato prezioso per una sessualità appagante e una virilità rinvigorita.

Scopri il Potere Rigenerante del Succo di Melograno NeoLife

Perché sceglierlo:

  • Tre è un’essenza nutrizionale bio-attiva che va oltre il semplice succo. È una miscela pura di Melagrana, Acai e Tè Verde.
  • Unisce i super-frutti ricchi di fitonutrienti come Melagrana, Acai e Tè Verde, con la miscela esclusiva di bacche Inflox, che include bacche scure, succo d’uva bianca, mirtillo gigante americano, frutto di sambuco, mirtillo rosso, ribes nero, uva rossa e mirtillo nero.
  • Potenziato con ingredienti speciali: Questa miscela unica è ulteriormente potenziata con due ingredienti: resveratrolo ed acido alfa-lipoico, per offrire un supporto ancora maggiore al benessere.
  • Basato sulla scienza: Tre è una potente essenza naturale formulata su solide basi scientifiche. È il risultato della ricerca nel campo del benessere e della vitalità, unendo super-frutti alla scienza.
  • Diversità nutrizionale: Con una miscela potente ed esclusiva di estratti puri di Melagrana, Acai e Tè Verde, combinata con la miscela di bacche Inflox, Tre fornisce la diversità nutrizionale di cui il tuo organismo ha bisogno, rispettando il progetto della natura.
  • Sviluppato da esperti: Tre è stato concepito e sviluppato dal Comitato di Consulenza Scientifica della NeoLife (SAB), un gruppo di esperti noti a livello mondiale per la creazione di prodotti basati su cibi integrali e scientificamente testati.
  • Gusto delizioso e rinfrescante: Con un gusto rinfrescante e concentrato, Tre ti farà sentire subito la forza rinvigorente degli ingredienti attivi, offrendoti una bevanda deliziosa per vivere bene e vivere al meglio.
  • Bassa risposta glicemica: Tre è una bevanda rinfrescante con una bassa risposta glicemica, quindi puoi goderne senza preoccupazioni per gli aumenti improvvisi di zucchero nel sangue.
Scopri di più

Preserva la Tua Virilità con il Potente Trio

  • Succo di melograno
  • Zinco
  • Estratto di Palmetto di Sabal

Scopri come questi tre essenziali elementi possono contribuire a mantenere la tua virilità intatta e favorire una salute sessuale ottimale

Perchè devi prendere i Probiotici.

probiotici-intestino-diarrea

Puoi prendere i probiotici a stomaco vuoto?

Gli studi suggeriscono che non dovresti!

Diamo un’occhiata come funzionano i batteri benefici nei probiotici e cosa può accadere quando vengono assunti a stomaco vuoto.

Cosa sono i probiotici

I probiotici sono batteri ed altri microbi destinati a sostenere la salute dell’intestino.

L’intestino è costituito dagli organi del tratto gastrointestinale, questi includono lo stomaco, l’intestino tenue e l’intestino crasso. L’intestino è anche pieno di enzimi digestivi, che aiutano ad assorbire il cibo che mangi.

Questa zona ospita trilioni di batteri, molti dei quali possono danneggiare la salute dell’apparato digerente. I probiotici sono batteri BUONI che possono aiutare a compensare gli effetti negativi dei batteri cattivi. 

Il metodo più efficace per l’assunzione sono gli integratori, ma ci sono anche alimenti probiotici.

Se prendi i Probiotici a stomaco vuoto l’acido dello stomaco può distruggerli ancora prima che arrivino all’intestino

Oltre a batteri e altri microbi, il tuo stomaco contiene acido. Il livello di pH dell’acido gastrico può variare notevolmente. A volte può avere un pH di 1 o 2, che è molto acido. Dopo un pasto, il livello di pH può scendere rapidamente a 3 o 4. Dopo la digestione, il pH tornerà tipicamente al livello 4 o 5.

L’acidità dello stomaco è importante quando si tratta di probiotici, un basso livello di pH può rendere difficile ai batteri probiotici svolgere il loro lavoro.

Molti tipi di batteri semplicemente non possono sopravvivere in quel tipo di ambiente acido, anche se si presentano sotto forma di capsule con un rivestimento enterico protettivo.

Alcuni ceppi probiotici iniziano a degradarsi quando l’acido dello stomaco è a un livello di pH di 3. Tuttavia, non tutti i ceppi probiotici sono costruiti allo stesso modo. 

Il Lactobacillus rhamnosus GG, ad esempio, ha dimostrato di essere resistente fino ad un pH di 2,5.

I ricercatori hanno condotto diversi studi testando la resistenza all’acidità dello stomaco di quattro ceppi probiotici: Lactobacillus rhamnosus, Saccharomyces boulardii, Lactobacillus helveticus e Bifidobacterium longum; scoprendo che i batteri avevano maggiori possibilità di sopravvivenza se ingeriti con un pasto o poco prima di un pasto.

Ecco alcuni dei più importanti ceppi di probiotici.

  • Saccharomyces boulardii – Questo è in realtà un tipo di lievito che può aiutare a supportare i normali movimenti intestinali.
  • Lactobacillus helveticus – Questo ceppo ha dimostrato di aiutare a sostenere livelli di pressione sanguigna sani.
  • Lactobacillus rhamnosus – Questo è un ceppo che troverai in molti prodotti probiotici. Questo importante membro della famiglia Lactobacillus aiuta a sostenere la salute dell’apparato digerente.
  • Bifidobacterium – Questa famiglia di batteri ha diversi membri diversi, incluso il potente ceppo Bifidobacterium lactis. Questi batteri possono aiutare con gonfiore e altri problemi digestivi.

Dieta e probiotici

I benefici dei probiotici sono ben documentati, sono progettati per aiutare a sostenere la tua salute e il tuo benessere.

Alcuni alimenti ricchi di probiotici

Dieta e probiotici

È improbabile che assumerai abbastanza batteri buoni solo attraverso il cibo, ti conviene associare un integratore di qualità!

6 Alimenti per aumentare la salute della prostata

Melograno-benefici

Il cancro alla prostata è uno dei più diffusi tra gli uomini

I tassi di crescita del cancro alla prostata sono in aumento, ma aggiungendo alla dieta alcuni alimenti sani e compatibili con la prostata, potresti essere in grado di ridurre il rischio.

Il cancro alla prostata è il tumore più comune tra gli uomini, colpendone 1 su 7. Si ritiene che la dieta occidentale ad alto contenuto di grassi e zuccheri possa contribuire ad aumentare il tasso di cancro alla prostata.

Dovrai comunque consultare il tuo medico per regolari controlli, ma puoi iniziare a migliorare la salute della prostata provando questi sei alimenti.

 1  Pomodori

I pomodori contengono un potente antiossidante chiamato licopene. Può aiutare a prevenire il cancro alla prostata ed a ridurre la crescita tumorale tra gli uomini con carcinoma della prostata. Sono necessarie ulteriori ricerche per confermare un beneficio, ma dopo una revisione di 11 studi, i ricercatori hanno trovato una tendenza che suggerisce che gli uomini che mangiano più pomodori e prodotti a base di pomodoro, sia crudi che cotti, avrebbero meno probabilità di sviluppare il cancro alla prostata.

Come aiutano esattamente i pomodori? Il licopene può ridurre il danno cellulare e rallentare la produzione di cellule tumorali. Ma poiché il licopene è strettamente legato alle pareti cellulari, i nostri corpi hanno difficoltà a estrarlo dai pomodori crudi. I prodotti a base di pomodoro cotti o ragù possono essere le migliori opzioni.

Consuma questo tipo di prodotti:

  • pasta di pomodoro
  • ragù per gli spaghetti
  • pomodori essiccati al sole
  • succo di pomodoro
  • ketchup

 2  Broccoli

Il broccolo è una verdura che contiene molti composti complessi che possono aiutare a proteggere alcune persone dal cancro. Alcuni studi suggeriscono che esiste un legame tra la quantità di verdure crocifere che si mangia e il rischio di cancro alla prostata.

I motivi per cui non sono ancora chiari, ma i ricercatori suggeriscono che uno dei fitochimici trovati in questi vegetali, chiamato sulforaphane, bersaglia in modo selettivo e uccide le cellule tumorali lasciando le normali cellule della prostata sane e inalterate.

 3  Tè Verde

Il tè verde è una bevanda che è stata consumata per migliaia di anni. Tradizionalmente è stata una grande parte delle diete delle persone nei paesi asiatici. Non è chiaro se il tè verde sia la ragione per cui i tassi di cancro alla prostata in Asia sono molto più bassi che in occidente. Tuttavia, i componenti del tè verde sono stati studiati per i loro effetti sulla salute.

Questi includono:

  • catechina
  • derivati ​​della xantina
  • epigallocatechina-3-gallato (EGCG)
  • epicatechina

Ci sono alcune prove per sostenere che questi composti trovati nel tè verde possono prevenire lo sviluppo del cancro alla prostata. In una recensione pubblicata da Chinese Medicine, i ricercatori hanno scoperto un ridotto rischio di cancro alla prostata tra gli uomini che hanno consumato più di cinque tazze di tè verde al giorno.

 4  Legumi e semi di soia

I legumi, come fagioli, arachidi e lenticchie, contengono composti vegetali biologicamente attivi noti come fitoestrogeni. Gli isoflavoni sono uno di questi fitoestrogeni. Possono contenere proprietà antitumorali. Questo potrebbe sopprimere la crescita del tumore nelle cellule del cancro alla prostata.

Mentre è ancora necessaria una ricerca più conclusiva, la ricerca preliminare riportata dal National Cancer Institute mostra un collegamento tra il consumo di soia e livelli ridotti di antigene prostatico specifico (PSA). Il PSA è una proteina prodotta dalla tua prostata. Il test del PSA misura il livello di PSA nel sangue ed è utilizzato come test di screening per il cancro alla prostata. Questa ricerca sembra indicare che la soia sia più efficace quando mangiata in combinazione con altri cibi che combattono il cancro.

 5  Succo di melograno

Proprio come il vino rosso o il tè verde, il melograno è una ricca fonte di antiossidanti. È stato pubblicizzato come un “frutto miracoloso” nella prevenzione delle malattie croniche legate allo stress ossidativo. Gli scienziati pensano che l’antiossidante presente nel melograno funzioni in un metodo “cerca e distruggi”, mirando esclusivamente alle cellule del cancro alla prostata e non alle cellule sane. Gli studi hanno trovato prove che il succo di melograno e l’estratto ostacolano la produzione di diverse cellule tumorali della prostata.

 6  Omega 3

I grassi polinsaturi, come gli omega-3 e gli omega-6, sono acidi grassi essenziali che si trovano esclusivamente nella dieta. Non sono sintetizzati dal corpo. La dieta tradizionale occidentale ha un molti acidi grassi omega-6 ma non molti omega-3. Avere un equilibrio più sano di acidi grassi omega-3 e omega-6 può aiutare a prevenire lo sviluppo e la progressione del cancro alla prostata.

In una recensione pubblicata sull’American Journal of Clinical Nutrition, i ricercatori hanno trovato un collegamento tra mangiare pesce e una ridotta mortalità dal cancro alla prostata. Prova a mangiare pesce grasso trovato in acque fredde per aumentare l’assunzione di omega-3.

Questi includono:

  • salmone
  • aringa
  • sgombro
  • sardine
  • trota

In conclusione

Mentre sono necessarie ulteriori ricerche nel campo della dieta e del cancro alla prostata, ci sono prove che suggeriscono che determinati alimenti possono aiutare a ridurre il rischio per la malattia. È una buona idea fare il check-in con il proprio medico prima di apportare modifiche alla propria dieta, specialmente se si sta ricevendo un trattamento per il cancro alla prostata, poiché alcuni cibi potrebbero interagire con diversi farmaci e terapie. Ad esempio, alcuni integratori ad alto contenuto di antiossidanti come ad esempio l’estratto di melograno, possono contrastare gli effetti della radioterapia. Pertanto, si dovrebbe evitare integratori con alti livelli di antiossidanti durante il trattamento con radiazioni. Detto questo, la maggior parte degli articoli in questa lista sono cibi integrali. Mangiarli fa parte di uno stile di vita sano e può aiutarti a sentirti al meglio.

Preserva la salute della prostata con il questi Potenti Integratori

Leggi Anche